Gli asset per investire in borsa

borsaCon le piattaforme online è ora possibile negoziare sulle Borse di tutto il mondo, con l’obiettivo di realizzare profitti operando con appositi strumenti di trading. Sia che si utilizzino i CFD (i contratti per differenza) che le opzioni binarie, si potranno piazzare degli ordini su un’ampia varietà di asset, a seconda della disponibilità offerta dal broker.

Per asset si intende qualsiasi bene associato ad una quotazione nei mercati internazionali. Possiamo quindi avere azioni e titoli (come Fiat, Coca Cola, Facebook etc) quotati nei rispettivi mercati, indici (panieri di azioni delle società più influenti nel panorama finanziario di una regione o di un continente, come Eurostoxx50 in Europa o Nikkei225 in Giappone), cross valutari (ossia le coppie di valute internazionali a disposizione nelle piattaforme del Forex), e le cosiddette “commodities” (i beni come le materie prime di oro, argento, petrolio o i beni di consumo come i cereali, il caffè e la soia.). Puoi trovare le quotazioni dei principali asset di borsa su www.borsavirtuale.net .

Operando con i CFD si potrà “tradare” su tutti questi asset senza doverli necessariamente possedere, in quanto il potenziale profitto si basa sul calcolo della differenza del valore all’apertura e chiusura di un contratto stipulato con il broker (il CFD ricalca infatti il prezzo del bene sottostante.)

Rispetto al passato, negoziare su azioni, indici e materie prime risulta oggi estremamente semplice, e grazie allo strumento della leva finanziaria sarà possibile ampliare i margini di guadagno, moltiplicando gli eventuali rendimenti senza andare ad aumentare il rischio del proprio investimento.

Anche le opzioni binarie consentono di appoggiarsi sul valore degli asset per ottenere dei profitti. In questo caso però il guadagno deriva da una previsione che si effettua sui prezzi di azioni, indici, cross e commodities. Se questa si rivelerà corretta, si potranno incassare delle somme pari alla percentuali di resa associata all’ordine. Essenziali in questo strumento sono le decisioni circa la scadenza (che può essere a breve, medio e lungo termine), l’asset da selezionare e la tipologia di opzione selezionata (alto/basso, tocca/non tocca, range in/out): un ordine si basa appunto sulla combinazione di questi tre fattori, che possono essere impostati sulla base degli orientamenti forniti dai segnali di trading, delle indicazioni che facilitano la scelta dei parametri potenzialmente più proficui nei vari mercati.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi