Esperienze in pista: Peugeot 208 T16 R5

peugeotLa Peugeot che prendiamo oggi in esame non è una di quelle che si trovano in mostra nei concessionari. Quella che andiamo a vedere oggi infatti è la Peugeot T16 R5 impegnata nel Campionato Italiano Rally 2014, con ben 280 cavalli esuberanti sotto il cofano, turbocompressi a spingere una massa di appena 1200 Kg! L’auto guidata da Paolo Andreucci e messa a punto dai meccanici della Racing Lions, è il modello di punta del programma sportivo messo a punto da Peugeot e mette in mostra tutti gli anni e la passione che Peugeot ha scalfito nel corso della sua storia con i Rally.

La modalità Road, più soft, rende l’auto naturale e rapida, la tanta coppia a disposizione permette di guidare senza quasi ricordarsi di utilizzare il cambio, garantendo un’ottima ripresa anche ai bassi regimi e facendo si che l’auto riparta senza alcuno sforzo anche sbagliando clamorosamente la marcia.

Le cambiate, quando sono giuste, regalano emozioni fuori dal comune, con la mappatura della centralina impostata su “Stage” l’auto diventa cattiva e mostra i denti, la Peugeot è al massimo delle sue prestazioni e ad ogni cambiata ci regala un supersonico “Bang” e ritorni di fiamma molto scenografici. La forza frenante di questa Peugeot è sicuramente fuori dal comune e quando si prende un dosso in piena velocità non ci sono problemi di sorta.

L’auto va forte anche sullo sconnesso, d’altronde è nata per questo la Peugeot 208 T16 R5 e il freno a mano performante e preciso al millimetro permette di affrontare le curve senza paura di andare fuori strada al minimo errore.

La Peugeot in questa modalità è nervosa, ma divertente e riuscire a dosare tutti questi cavalli non è affatto semplici se non si è abituati e concentratissimi. L’auto ha una velocità in curva davvero eccezionale e la potenza della forza G sposta il pilota da una parte all’altra anche quando è ben legato con le cinture di sicurezza a quattro punte!

Nonostante tutto non da mai l’impressione di volare via da un momento all’altro e rimane sempre stabile e composta nonostante le asperità del terreno.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi